Gennaio e febbraio sono i mesi morti per eccellenza per chi lavora nel settore beauty. Per parrucchieri, barber ed estetiste, dopo il mese più ricco dell’anno, cioè dicembre, seguono due mesi in cui è più difficile incassare a sufficienza. Ma nulla è perduto: infatti, grazie al contenuto di questo post, potrai attuare le strategie in grado di regalarti, al contempo, incassi più elevati a fronte di meno ore di lavoro e clienti serviti.

Leggi fino in fondo il post o, in alternativa, guarda il video:

Preferisci ascoltare l’audio?

Perché a Gennaio e Febbraio si incassa meno

Dopo il felice periodo di dicembre, quello di Natale, arrivano i mesi cosiddetti morti, ossia gennaio e febbraio

L’agenda, a dicembre. è sempre piena. Anzi, a volte si rischia anche di dover dire ai clienti che non c’è posto, soprattutto a quelli che prenotano all’ultimo minuto. Ecco che succede poi: passate le festività, passato il Natale, il Capodanno, giustamente voi vi prendete una piccola pausa per riposarvi dopo un mese molto intenso. Tuttavia, è pur vero che, presa magari la prima settimana di pausa, l’attività riprende il suo corso naturale.

Qui arriva l’amara sorpresa: i clienti che hanno speso durante la mensilità di dicembre tendono a risparmiare, a tagliare alcune spese che al momento non sentono così importanti o impellenti, soprattutto nel mese di gennaio, ma un po’ si ripercuote anche nel mese di febbraio. Quindi, cosa bisogna fare per evitare che il mese di gennaio e quello di febbraio siano dei mesi completamente morti e, invece di avere un fatturato calcolato su 10 mesi, calcolarlo su un fatturato di 12 mesi? Questo è molto importante per la vita aziendale.

Strategie per Evitare un Calo di Fatturato

Dobbiamo mettere in campo delle strategie opportune per fare in modo che i nostri clienti, già presenti nel nostro database, siano pronti e predisposti a spendere i loro soldi anche in questi mesi. Ora, se ci sono persone all’interno della vostra lista clienti che, oggettivamente, non si possono permettere di spendere altri soldi e quindi devono obbligatoriamente tagliare alcune spese, è ovvio che su di loro non possiamo contare più di tanto.

Strategie di Segmentazione dei Clienti

Ma se siete stati molto bravi e avete seguito le varie indicazioni che io ho dato nel corso degli anni e vi siete creati una lista di clienti con tutti i dettagli specifici che vi servono, soprattutto in questi periodi un po’ più difficili da portare avanti, allora sapete benissimo come dividere la vostra lista clienti in diverse tipologie.

Lavorare con i clienti Alto Spendenti

clienti altospendenti

Ok, quindi qui possiamo fare in modo di andare a rintracciare quei clienti che possiamo identificare come clienti alto spendenti, cioè i clienti che spendono una determinata cifra all’interno del vostro negozio, che sia un salone di parrucchiera o un centro estetico. E che cosa ci dobbiamo fare con questa lista di clienti? Allora, ti dicevo che devi prendere questa lista clienti.

La Prima Strategia: Servizi a Valore Aggiunto

La prima strategia, che chiameremo numero 1, è quella che mette in leva i Clienti alto spendenti. Quindi abbiamo questa lista di clienti e spero che tu ce l’abbia. Se non ce l’hai, corri subito ai ripari e inizia a crearla, a cominciare da questa tipologia di clienti.

Dobbiamo, quindi, proporre a questi clienti dei servizi a valore aggiunto. Quindi, mi raccomando, se sei parrucchiere, non offrire solo piega, taglio o colore basici; se sei estetista, non limitarti a cerette, mani e unghie. Devi proporre dei servizi che costano relativamente tanto e vanno proposti con un’offerta molto vantaggiosa per le settimane che vanno, ad esempio, dall’8 al 31 gennaio. Questo tipo di offerta deve essere vantaggiosa per i tuoi clienti, ovviamente. Ricordati sempre che su questa offerta devi guadagnare tu, ma fare in modo che ne approfitti anche il tuo cliente.

Questa è la prima cosa da fare, la strategia numero uno. Ovviamente, ricordati sempre che, dei tuoi 100 clienti alto spendenti, non tutti e 100 usufruiranno di questa strategia, soprattutto se metterai anche una limitazione di posti e di tempo ottimale per utilizzare questo tipo di offerta.

La Seconda Strategia: Utilizzo dei Buoni Regalo

La seconda strategia è quella di andare a ripescare tutti quei clienti ai quali a dicembre hai dato dei buoni da spendere per il mese di gennaio. Quindi, bisogna andare a fare i recall sui buoni.

E come si fanno questi recall? Se ti sei segnato a quali clienti hai dato questi buoni, allora il gioco è fatto perché, se non hanno già prenotato, devi essere tu a richiamarli e a dirgli che hanno questi buoni da spendere entro gennaio.

Offerte Diverse per Gennaio e Febbraio

Questa cosa, ovviamente, vale anche per i buoni di febbraio: spero che tu abbia saputo distinguere le offerte tra gennaio e febbraio perché devono essere due offerte completamente diverse. Magari una su servizi a valore aggiunto, un’altra su dei prodotti particolari. Ricordo sempre che è meglio fare le offerte sui prodotti a febbraio, perché se a dicembre avete lavorato bene con le vendite, allora i clienti ne avranno già acquistato a sufficienza e quindi dovete dare loro il tempo necessario per sfruttare e finire di utilizzare questi nuovi prodotti.

Raccolta Dati dei Clienti e Questionari

Queste sono le migliori strategie che puoi iniziare a utilizzare fin da subito, ma solo e soltanto se hai saputo ricavare i dati dei tuoi clienti. E come ottieni i dati dei tuoi clienti, sia che siano nuovi sia che siano vecchi? Se questa cosa non l’hai mai fatta, è quello di far compilare a questo cliente un questionario.

Importanza dei Dati Anagrafici e dei Questionari

Come si fa compilare questo questionario?

In fase di registrazione del nuovo cliente, oltre a mettere i dati anagrafici, ti fai dare delle indicazioni fondamentali per tutti questi funnel di vendita successivi. Questo aspetto è cruciale per comprendere meglio i bisogni e le preferenze dei tuoi clienti. Chiedi, quindi, a quali servizi il cliente è interessato svolgere in futuro (ovviamente, senza impegno). Elenca i servizi che svolgi e fai mettere delle croci multiple.

Quindi, un cliente di un centro estetico potrebbe aver segnato, tra questi servizi, l’epilazione laser e i trattamenti anti-cellulite. Un cliente di un salone da parrucchiere, potrebbe aver inserito, tra i servizi interessati, le extensions per i capelli.

Tutti dati che resteranno a tua disposizione e che ti torneranno utili in momenti come questo.

Strategia Numero 3: Sfruttamento dei Dati del Questionario

La strategia numero tre consiste, dunque, nell’utilizzare proprio i dati che ricavi dal questionario. Se hai fatto le domande giuste e tra queste domande hai inserito anche quali servizi il cliente è maggiormente interessato a provare, allora sei già a un buon punto. Mettendo tutta la lista dei servizi, quando potrai andare a recuperare i dati e, a gennaio o febbraio, decidere di fare delle offerte pazzesche per far trovare a questi clienti i servizi che tanto agognano di fare ma che ancora non hanno provato all’interno della tua attività.

L’Approccio Telefonico per Offerte Irresistibili

Quindi, la strategia numero 3 si basa sui dati del questionario e sui servizi desiderati.

Prendi il cliente che ha segnato “epilazione laser” tra i servizi potenzialmente interessanti, la si chiama, e si propone un’offerta pazzesca.

Se il cliente ha segnato “extension capelli”, la si chiama e le si propone un’offerta su quel servizio.

Come va fatto questa offerta pazzesca? Tramite i social? Assolutamente no, tramite WhatsApp ancora meno. Qui lo strumento che converte in assoluto è il telefono. Quindi, se hai i dati e hai questa cosa qui che hai fatto compilare al tuo cliente, il questionario, il proprio numero di telefono è l’oggetto del desiderio di questo cliente. Ti basta semplicemente prendere la cornetta, chiamarlo e fargli un’offerta irresistibile su quel servizio o su un pacchetto di servizi.

Conclusione: La Potenza delle Strategie Personalizzate

Quindi, mi raccomando, come vedi, di strategie da poter fare ce ne sono ben tre. Io te l’ho spiegato già: tre strategie per fare in modo che i mesi di gennaio e febbraio, generalmente reputati come dei mesi morti a livello lavorativo, possano invece darti delle grandi soddisfazioni.

Vuoi scoprire come applicare le strategie di Metodo Minerva?

Guarda le nostre risorse gratuite, clicca qui